Come sono diventata prepper

Abbiamo avuto tutti un passato prima di diventare Prepper, questo è certo. E non c’è niente di cui vergognarsi, se quella vita si è dimostrata essere molto lontana da quella attuale! Una cosa che ho imparato è che una certa ignoranza genuina che tutti noi abbiamo sperimentato in passato può diventare la nostra arma più potente quando la volontà di sopravvivere sorge in una condizione di emergenza.

La vita è fatta di scelte

Abbiamo avuto tutti una vita diversa. La mia? Beh, diciamo che era piuttosto differente. In effetti, ero una cantante in diverse band heavy metal, quindi la mia vita nel fine settimana era legata al contesto della musica dal vivo.

Sono sempre stata un’appassionata di Outdoor: quindi, per un determinato lasso di tempo – circa tre anni – ho condiviso l’Outdoor con la mia attività di cantante e bassista. Ma non è durato troppo, perché ho sentito sempre più forte l’urgenza di passare più tempo lontano da casa, per imparare e  per mettermi alla prova nei boschi.

Infatti, nel 2015, ho ufficialmente lasciato la scena musicale per dedicarmi allo studio dell’Arte del Tracking, che mi ha richiesto motivazione e concentrazione al 100%. Posso onestamente confessare che il mio interesse per il Prepping risale al 2012, quando mi sono avvicinata per la prima volta a questa specifica dimensione. Quindi, per farla breve, il 2012 può essere definito come “L’anno della comprensione“.

Una nuova prospettiva

Come spesso accade, ci interessiamo al Prepping per motivi diversi:

  • curiosità (dopo aver letto articoli o libri, visto film o documentari e così via)
  • consapevolezza (che qualcosa di brutto potrebbe davvero accadere)
  • necessità (di essere preparati per la SHTF)
  • paura (di nuovo, che possa davvero succedere qualcosa di brutto)
  • amore (o, realizzazione dei bisogni di una coppia)

Nel mio caso specifico l’ultima opzione ha funzionato anche più delle altre. Sono perfettamente consapevole che molte altre donne là fuori potrebbero dire la stessa cosa! Spinte dai nostri partner, abbiamo infatti iniziato a considerare le cose sotto una luce diversa. E, personalmente parlando, questo è assolutamente un buon punto di partenza.

I miei genitori hanno attraversato tempi molto gravosi segnati dalla recessione economica degli anni Settanta, così come gli anni del terrorismo e della guerriglia (fino alla metà degli anni Ottanta). Entrambi non avevano assolutamente alcuna istruzione sulle abilità di sopravvivenza o sulla preparazione. Adoravano i grandi spazi aperti e ancora lo fanno. Non si sono mai dichiarati Prepper. Quindi, accumulare cibo, raccogliere e purificare l’acqua ed essere autosufficiente erano cose piuttosto… strane per me, ai tempi.

Ho avuto la fortuna di avere un partner che non solo aveva familiarità con tutte queste cose, ma era anche desideroso di insegnarle. La coppia in preparazione stava per sbocciare. Vorrei sottolineare che non c’è niente di male nell’ammettere l’ignoranza e nel condividere con il proprio partner un vero desiderio di apprendere abilità. Prepararsi non significa solo essere preparati, ma anche innescare e consolidare un nuovo atteggiamento nella vita.

Due persone, se unite nel raggiungere gli stessi obiettivi, possono fare molto l’una per l’altra. Possono dividere compiti, e anche competenze: possono essere un formidabile supporto non solo in termini psicologici, ma anche pratici.

Un nuovo atteggiamento

Nel giugno 2017 ho partecipato a un Prepper Meeting.

Una ventina di persone, con competenze diverse – dalla Sopravvivenza alla Medicina Remota, dalla Raccolta di erbe officinali ai BitCoin – erano state invitate a parlare di Prepping, a seconda del background individuale. Nello specifico, mi era stato chiesto di parlare dell’uso del Tracking in uno scenario di sopravvivenza.

“Incontrare altre persone desiderose di apprendere e condividere”

I discorsi degli altri partecipanti sono stati orientati sull’importanza di accumulare cibo, coltivare le proprie erbe, investire in pannelli solari e così via. Ricordo chiaramente quanto fosse alto l’interesse di tutti i partecipanti: che sicuramente ha svelato non solo la fame di apprendere nuove competenze (e di conseguenza padroneggiarle) ma anche la necessità di far parte di una solida rete di persone preparate su cui poter contare.

Incontrare altre persone con i tuoi interessi e, cosa più importante, gli obiettivi è sempre una buona cosa. In un giorno ho imparato molto. Alla fine dei due giorni, mi sentivo come.. vorace!

Ho letteralmente riempito due quaderni di nuove nozioni. Questo è il mio modo personale di imparare per non dimenticare nessun singolo dettaglio che potrebbe essere cruciale quando lo SHTF colpisce.

Il giorno dopo ho iniziato ad acquistare i libri migliori che riuscivo a trovare, che sono diventati i capisaldi del mio percorso personale. Uno su tutti: “Quando si scatena l’inferno: cose di cui hai bisogno per sopravvivere in caso di disastro” di Cody Lundin. Puoi vedere che questo è ancora un ottimo livello nella preparazione per me. Lundin sicuramente sa il fatto suo. 

Questo libro mi ha aperto la mente sul primo soccorso di base, nonché su come gestire le abilità igieniche quando l’SHTF colpisce, gli oggetti e le abilità del kit di sopravvivenza, come gestire i generatori di energia e così via. Un vero compendio di tutti gli argomenti che devi conoscere per sopravvivere.

Ho passato ore a studiare e ad affrontare nuove – e talvolta – questioni difficili. Ma vale ogni secondo del mio tempo. Tuttavia, mi considero ancora una principiante, che è la cosa migliore da fare se vuoi mantenere la mente aperta e pronta a ricevere nuove conoscenze. E per padroneggiarle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.