Kit EDC per bambini: cosa inserirci

Molti di noi hanno più di un mix di oggetti e tool per i propri kit EDC dei quali non farebbero mai a meno, ma cosa dire dei nostri bambini? Sarebbero pronti per affrontare una piccola emergenza della loro quotidianità a scuola o semplicemente a casa dei loro amici?
In questo articolo ti spiego come impostare un kit EDC di base per bambini da usare a scuola, durante una gita o un’uscita con i genitori, basato su 8 semplici oggetti.
Se non sai cos’è un kit EDC, ti consigliamo di leggere prima il nostro articolo Kit EDC: 5 domande da porti prima di costruirlo

Vuoi ricevere gli articoli di Italian Prepper in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Alcune considerazioni iniziali

A. Insegnare ai nostri bambini ad essere preparati è fondamentale, ma non deve essere un processo che li faccia preoccupare o spaventare. Non riempirli di paure quando fai presente che dovrebbero portare questi oggetti con sé o inizieranno ad associare il loro kit e il processo di preparazione a situazioni negative.

B. Il tipo di oggetti da inserire all’interno dei kit EDC dipende da molte variabili: età, livello di maturità, capacità e preparazione già trasmesse. In questo articolo ci concentreremo su una soluzione per bambini di circa 6-8 anni senza particolari livelli di preparazione.

Il contenitore è importante

Scegli qualcosa che a tuo figlio piaccia portare con sé. Probabilmente, tuo figlio/a sarà un super fan di tutto ciò che riguarda supereroi o personaggi dei cartoni animati preferiti. Questa “affinità” renderà molto più semplice di quanto tu non pensi, l’instaurarsi dell’abitudine a portare l’EDC sempre con sé.

kit edc bambini - cosa inserirci

Cosa inserire in un EDC per bambini

Se nei nostri kit EDC sono pensati per sopperire a qualsiasi tipo di imprevisto sulla base dei contesti che viviamo quotidianamente, l’EDC per bambini deve assolvere a molte meno situazioni, sia per gli ambienti in cui si muovono, sia per la presenza di adulti che possono sopperire ad alcuni bisogni al loro posto.
Tuttavia, i punti chiave, le macrocategorie di bisogno sono le medesime.

Se ancora non ci hai pensato, ecco una breve lista di oggetti di partenza da cui prendere spunto:

  • Piccolo kit medico: cerotti, salviette disinfettanti, qualche piccola garza sterile, gel disinfettante possono assolvere ai piccoli problemi che un bambino può affrontare, a scuola o in gita. Mostragli prima le logiche di base dell’uso di un medikit o spiegagli che all’interno c’è tutto quello che serve a lui o alla maestra per aiutarlo quando non sono a scuola. Nel caso puoi costruirne uno ad hoc usando un astuccio con i suoi personaggi preferiti dove riporre tutto all’interno;
  • Telefono e contatti: ogni genitore ha idee diverse circa l’utilizzo dei cellulari, quindi sta ad ognuno valutare secondo il suo pensiero come sia meglio procedere a riguardo. Non necessariamente dobbiamo puntare ad uno smartphone se vogliamo integrare un metodo di comunicazione: esistono smartphone semplificati oppure semplici cellulari che assolvono alla necessità numero 1: telefonare. Un ottima soluzione potrebbe essere lo storico Nokia 105;
  • Informazioni personali: non guasta integrare anche una piccola agenda o un foglietto plastificato in cui riportare il nome del bambino, i nomi dei genitori e relativi contatti telefonici, oltre che informazioni utili come allergie, intolleranze o medicinali assunti (ad esempio il Ventolin per l’asma);
  • Ricambio: un cambio completo di intimo (calzini, slip e maglietta) inseriti in una busta ziplock sono sempre utili per le piccole emergenze quotidiane a scuola o in gita;
  • Cibo: un paio di merendine sono sempre utili. Meglio prediligere alimenti che non si polverizzano (tutti sappiamo che fine fanno i pacchetti di crackers), ne si sciolgono. I prodotti da forno confezionati hanno un’ottima tenuta alle temperature e allo stress meccanico;
  • Fischietto: se tuo figlio/a fosse avvicinato da un estraneo, un fischietto da tenere in tasca o agganciato allo zainetto potrebbe aiutarlo ad avvisare gli adulti nelle vicinanze che qualcosa non va o perlomeno attirare l’attenzione di altre persone. In questo senso, sarebbe utile i spiegargli la differenza tra sconosciuto e minaccioso quando si avvicina una persona che non ha mai visto prima. Ricordiamoci che i bambini hanno solo poca esperienza ma non sono affatto stupidi 😉 ;
  • Torcia compatta: la paura del buio è sicuramente più forte nei nostri primi anni di vita. Una fonte di luce è sempre importante, bambini o adulti che siamo 🙂
    La torcia è un gadget che piace sempre ai bambini e potrebbe entrare a far parte della loro quotidianità anche grazie al gioco, passando una notte in campeggio in giardino con gli amichetti o giocando sotto le lenzuola di notte. Potrebbe anche essere anche un modo interessante da utilizzare insieme a te per insegnargli i principali segnali di pericolo in codice morse. Un buon esempio potrebbe essere la HS10 di Sofirn piccola e compatta;
Codice Morse - Wikipedia
Alfabeto in codice Morse – FONTE: Wikipedia
  • Borraccia: che sia una semplice bottiglia d’acqua o una borraccia, sia a scuola ma anche nello zainetto che porta con sé quando uscite non può mancare. Scegliamola piccola (300-400ml).

E tu, cosa ne pensi? Hai mai preparato un kit EDC per bambini? Cosa vorresti inserire o togliere dall’elenco? Faccelo sapere qui sotto nei commenti 😉

Photo by note thanun on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.