Pectina fatta in casa: la ricetta

Come fare la pectina in casa

Man mano che le temperature si alzano e si avvicina la bella stagione, aumenta di pari passo la produzione di frutta. Un ottimo metodo per conservarla con semplicità per alimentare le nostre scorte alimentari è farne confettura (Leggi anche: Come fare la confettura).
Chi tra noi ha già prodotto i primi vasetti, saprà che la pectina ci viene in aiuto per diminuire l’uso di zucchero, come addensante naturale e per prolungare la vita utile della confettura. Possiamo comprarla in qualsiasi supermercato (sotto il nome del più famoso brand Fruttapec) ma come fare se da prepper volessimo preparare della pectina fatta in casa?

(Vuoi ricevere gli articoli di Italian Prepper in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Alcuni considerazioni iniziali

Senza l’impiego della pectina, il tempo necessario per far bollire la confettura si allunga e parte del sapore fresco naturale del frutto andrà perso.

Inoltre, la pectina ha anche usi medicinali: il più importante è quello di fungere da disintossicante da radiazioni [1]. Con i tempi turbolenti che viviamo, è una caratteristica che vale la pena conoscere.

Procedimento per la pectina fatta in casa

Per ottenere i migliori risultati utilizzare mele non troppo mature, quindi che siano ancora dure e acide. Quelle raccolte intorno luglio e agosto sono l’ideale. Le varietà migliori sono le mele verdi e le mele cotogne, ma in realtà qualsiasi tipologia può andar bene.

Le mele mature, infatti, contengono molta meno pectina. Tuttavia, il contenuto di pectina può variare da mela a mela e da albero ad albero. Le mele con una forma non perfetta o beccate dagli uccelli sono perfette. In alternativa è possibile usare anche i limoni.

Pectina fatta in casa - Mele verdi
Foto di Michelle Riach da Pexels

Raccolte le mele che fanno al caso nostro, ecco come possiamo procedere per creare la nostra pectina fatta in casa:

  1. Lavare bene le mele;
  2. Tagliare le mele a metà o in quarti (senza sbucciarle) e metterle in una pentola grande e dal fondo pesante;
  3. Aggiungere abbastanza acqua per coprire le mele;
  4. Coprire e cuocere a fuoco basso, mescolando ogni 20 minuti;
  5. Cuocere fino a quando il composto sembra salsa;
  6. Foderare uno scolapasta con una garza (o un canovaccio) e versare le mele all’interno.
    Lasciare colare il liquido attraverso la garza per 24 ore;
  7. Portare il liquido filtrato a bollore e cuocere fino a riduzione, mescolando di tanto in tanto.

Testare la forza della pectina

Naturalmente, la forza della pectina fatta in casa sarà molto variabile. Tuttavia, è possibile avere un’idea di quanto sia forte la pectina prima di usarla. Per testare la forza della pectina è possibile eseguire una semplice prova.

  1. Metti 2 cucchiai di alcol in una piccola ciotola;
  2. Aggiungere 1 cucchiaio di pectina e lasciare riposare per 60 secondi
  3. Ora usa una forchetta e verifica se riesci a rimuovere eventuali residui di pectina dalla ciotola. Se non ci riesci, rimettila sul fornello (senza coperchio) fino ad a ebollizione e falla ridurre della metà.

Per fare confetture o gelatine, usa circa 250 ml di pectina fatta in casa per chilogrammo di frutta o succo.

La pectina fatta in casa ha l’aspetto di un semplice succo di mela. Per conservarla adeguatamente puoi imbottigliarla ancora calda e seguire il procedimento della conserva di pomodoro. Altrimenti, puoi spingerti a disidratarla e una volta solidificata, tritare il tutto per conservarla in polvere. Quest’ultimo metodo è più lungo e dispendioso ma garantisce un tempo di conservazione maggiore.

Adesso sai come fare la pectina e puoi preparare le tue confetture in casa! Non sai come prepararla? Leggi Come fare la confettura e scopri anche il nostro ebook bestseller “Guida pratica alle scorte alimentari“.

Guida pratica alle scorte alimentari - Portale Sopravvivenza

Foto di Matheus Cenali da Pexels

[1] VB Nesterenko, et al., Reducing the 137Cs-load in the organism of “Chernobyl” children with apple-pectin, Swiss Medicine Weekly, 10 January 2004, Vol 134 No 1-2, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/14745664/ – ultimo accesso 25/03/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.