Segnali medici chiave da insegnare a un bambino

segnali medici

I bambini capiscono istintivamente che il benessere del loro corpo è importante. Le visite dal pediatra sono uno dei loro primi ricordi. Con un interesse naturale già in atto, ha senso includerli nella formazione sanitaria della famiglia, insegnando loro i principali segnali medici da sapere. Dopotutto, più persone in famiglia sanno cosa fare in caso di emergenza, meglio è.

(Vuoi ricevere gli articoli di Italian Prepper in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Concetto chiave n.1: distinguere tra emergenza e non emergenza

Se hai dei bambini, probabilmente già corri ogni volta che tuo figlio urla: “C’è un’emergenza!”
Tuttavia, già ti sarai reso conto che i bambini, soprattutto quando sono piccoli, hanno molto da imparare sulla definizione di emergenza! E in effetti è proprio da qui che dobbiamo iniziare. I bambini devono imparare a capire quando c’è bisogno di aiuto per loro o un adulto.

Un bambino di tre e quattro anni, di solito ha sempre un’altra persona adulta con sé, quindi potrebbe essere utile fargli capire quando un adulto ha bisogno di aiuto. Per i bambini più grandi è ugualmente vitale riconoscere i segnali di pericolo, ma anche saper rispondere a una chiamata al 112 o persino somministrare da soli il primo soccorso di base.

In questo articolo abbiamo raccolto i principali cinque segnali medici che i bambini dovrebbero riconoscere per definire meglio un’emergenza.

  1. C’è molto sangue?
  2. La persona non può svegliarsi?
  3. La persona non può alzarsi per camminare o stare in piedi?
  4. Respirano in modo strano?
  5. Si comportano in modo strano?

Ognuno di questi è un segnale di una possibile crisi medica, ma solo conoscerli non è sufficiente. I genitori dovrebbero insegnare ai loro figli cosa significa ogni segnale e fornire esempi semplici e di vita reale e pratica pratica.

Segnale di pericolo #1: c’è molto sangue?

Un bambino spesso non si rende conto della quantità di sangue in caso di emergenza. Utilizza magari una mezza dozzina di cerotti per essersi semplicemente graffiato un ginocchio sul marciapiede. Per lui, qualsiasi quantità di sangue è “molto sangue”!

Quasi tutti i bambini hanno avuto un gomito o un ginocchio sbucciato, quindi questo è un esempio ideale da usare come parametro di controllo per insegnare il segnale n. 1 “c’è molto sangue?”. Ricorda a tuo figlio quei graffi sul marciapiede e chiedi: “C’è lo stesso sangue di quando ti sei sbucciato il ginocchio?”.

segnali emergenza bambini

In alternativa, per insegnarli a comprendere la gravità della situazione, puoi utilizzare un palloncino riempito d’acqua per illustrare questo punto. Fa un piccolo foro nel palloncino e fanne uscire alcune gocce: spiega che in questo caso il sangue è poco. Poi fai un foro più grande che generi un flusso d’acqua costante. Ora spiega “questo è molto sangue. Se vedi un infortunio come questo, è ora di chiamare il 112”.

Segnale di pericolo #2: la persona non può svegliarsi?

Compreso il segnale #2, i bambini dovrebbero diventare consapevoli della capacità di una persona di svegliarsi o meno.
Un sonno profondo potrebbe essere il risultato di esaurimento o farmaci, ma anche di qualcosa di peggio. Come può un bambino determinare se la nonna sta solo facendo un pisolino o ha bisogno di cure mediche immediate?

Insegna ai bambini a procedere in questo modo:

  • prima chiamare ad alta voce il nome della persona più volte;
  • se non c’è risposta, scuoterli delicatamente;
  • se la persona rimane addormentata, è ufficialmente un’emergenza. 

Per renderlo più memorizzabile, interpreta la parte insieme a tuo figlio.

Segnale di pericolo #3: la persona non può alzarsi per camminare o stare in piedi?

Questo segnale può essere un po’ più facile da diagnosticare quando la persona ferita può ancora parlare e indirizzare il bambino a chiedere aiuto. Se qualcuno non è in grado di alzarsi o alzarsi, è possibile che si sia rotto un osso ma rimane in grado di parlare.

Tuttavia, una parte importante dell’addestramento dei bambini a distinguere tra emergenza e non emergenza è imparare a chiedere a una persona ferita: “Puoi muoverti? Puoi alzarti?” Se la risposta è negativa o se la persona non è in grado di rispondere, è necessario chiamare immediatamente il 112. Proseguendo nella lettura vedremo come passargli questo insegnamento.

Kit pronto soccorso da emergenza estrema per la tua bug out bag
Leggi anche: Baby Emergency Kit: 10 oggetti da inserire

Segnale di pericolo #4: la persona respira in modo strano?

Se un familiare o un amico è asmatico, sarà facile mostrare la situazione e spiegarlo ai più piccoli. In caso contrario, per insegnarlo, come genitore puoi imitare il respiro affannoso, la lotta per il respiro, il respiro sibilante o il soffocamento.

I problemi respiratori sono un segnale di avvertimento significativo e l’aiuto dovrebbe essere richiesto immediatamente. 

Intorno all’età di sette o otto anni, i bambini dovrebbero già sapere dove trovare farmaci salvavita per un asmatico in famiglia e come aiutare nella sua somministrazione.

Segnale 5: la persona si comporta in modo strano?

Infine, il segnale n. 5 chiede: “Si comportano in modo strano?” Ferite alla testa, convulsioni, ictus, reazioni ai farmaci e ipoglicemia sono solo alcuni dei problemi che possono causare sintomi come disorientamento, tremori, vertigini o difficoltà di parola. Insegna ai bambini a fidarsi del loro istinto e, se pensano che qualcuno si stia comportando in modo strano, ad andare avanti e fare quella chiamata al 112.

Concetto chiave n. 2: comporre il 112

Una volta che un bambino di qualsiasi età si rende conto che è necessario aiuto, deve sentirsi a proprio agio nel chiamare il 112 per chiedere aiuto. In una situazione spaventosa, la maggior parte dei bambini sarà tentata di chiamare prima un genitore o di correre a casa di un vicino, ma ogni minuto che ritarda una chiamata salvavita si perde tempo prezioso.

A partire dall’età di quattro anni circa, genitori e figli possono iniziare a fare le telefonate al servizio di emergenza sanitaria. Un bambino può essere piuttosto timido e non sentirsi a suo agio a parlare con un estraneo al telefono.
Provare insieme le telefonate al 112 permetterà di accrescere la fiducia in sé stesso per essere sicuro di ciò che dovrà dire al telefono nel momento di vera emergenza.

Chiamare 112 bambini come insegnarlo - Italian prepper
Foto by cottonbro

Ecco alcuni suggerimenti per aiutare i tuoi figli a imparare a effettuare chiamate al 112 e fornire informazioni vitali all’operatore.

  1. Prova a comporre il 112 sia su un telefono cellulare che sul telefono fisso di famiglia. Se usi un telefono cellulare, assicurati che il bambino sappia premere il pulsante “Invia” per completare la chiamata.
  2. Insegna al bambino l’indirizzo di casa e il nome e cognome di ogni persona che vive in casa.
  3. Affiggere i cinque segnali di pericolo da qualche parte in casa. Assicurati che tutti sappiano dove si trovano in modo da poter fare rapidamente una diagnosi.
  4. Come parte del gioco di ruolo, chiedi al bambino: “Qual è la tua emergenza?” e insegna loro come rispondere a questa domanda. Sarà probabilmente la prima domanda posta dall’operatore del 112.
  5. Insegna ai tuoi figli ad ascoltare molto attentamente l’operatore del 112 e a seguire esattamente le sue istruzioni.
  6. Una volta che la chiamata al 112 è stata completata, quindi una seconda chiamata può essere collocato a un genitore, un parente o amico di famiglia.
  7. Se l’emergenza si verifica di notte, i bambini dovrebbero saper accendere tutte le luci interne, sbloccare la porta d’ingresso, proteggere gli animali domestici in un’altra stanza e, se sono abbastanza grandi, uscire per segnalare i veicoli di emergenza. Questo è particolarmente importante se la tua casa è difficile da individuare.

Concetto chiave n. 3: problemi medici specifici della famiglia

Molte famiglie affrontano problemi di salute critici ogni giorno e hanno maggiori probabilità di affrontare emergenze sanitarie e mediche. 

Fin dalla tenera età, i bambini hanno bisogno di conoscere questi problemi, chi è interessato e cosa dovrebbero fare se è necessario aiuto. Potrebbe essere una grave allergia, il pacemaker della nonna, un diabetico in famiglia o un fratello con sindrome di Down. Qualunque sia la situazione, spiegala in termini appropriati all’età, segnali di pericolo specifici a cui prestare attenzione e quindi come aiutare.

Formazione avanzata per bambini

Sorprendentemente, la formazione medica, inclusa la RCP, è qualcosa che i bambini possono padroneggiare a partire dagli otto o nove anni. “I bambini sono fantastici”, afferma Patrice Blank. “Capiscono tutto ciò che insegno nelle lezioni di primo soccorso e nella rianimazione cardiopolmonare”. Spesso i genitori pensano che i bambini siano troppo piccoli per informazioni importanti, ma nel caso della formazione medica, possono iniziare in tenera età.

Molte amministrazioni cittadine e Associazioni di volontariato come la Croce Rossa offrono corsi di sicurezza e pronto soccorso aperti a tutti i cittadini. “I bambini possono facilmente imparare a pulire e fasciare una ferita. Possono imparare a liberare le vie aeree e utilizzare la manovra di Heimlich“, afferma Patrice.

La tua casa probabilmente contiene almeno un kit di pronto soccorso e i bambini devono sapere dove si trova e come utilizzare i materiali di consumo. Il modo migliore per imparare questo è prendere lezioni in famiglia.  

I genitori tendono a pensare che saranno solo loro a gestire le emergenze, ma è molto probabile che loro stessi possano essere fuori servizio o che i bambini possano essere a casa da soli quando si verifica una crisi. 
In conclusione, inizia presto la formazione medica. Prova frequentemente le situazioni di emergenza, le chiamate al 112 e le procedure di primo soccorso. Pubblica i numeri di telefono di emergenza e i cinque segnali di pericolo e continua ad aggiungere alla loro formazione medica man mano che maturano. Un giorno, la vita che salverà tuo figlio potrebbe essere la tua!

Per una formazione avanzata per i tuoi figli leggi anche i nostri articoli:
Kit EDC per bambini: cosa inserirci
Baby Emergency Kit: 10 oggetti da inserire
Le migliori maschere antigas per bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.